Premio Nobel per la Letteratura 2017

 

Premio Nobel per la Letteratura 2017 a Kazuo Ishiguro che "in romanzi di grande forza emotiva, ha svelato l'abisso sotteso al nostro illusorio senso di connessione con il mondo".

Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Data 2000
Includi: tutti i seguenti filtri
× Data 2007

Trovati 2 documenti.

Non lasciarmi
0 0
Libri Moderni

Ishiguro, Kazuo - Ishiguro, Kazuo

Non lasciarmi. / Kazuo Ishiguro ; traduzione di Paola Novarese

Torino : Einaudi, 2007

Super ET

Abstract: Kathy, Tommy e Ruth vivono in un collegio, Hailsham, immerso nella campagna inglese. Non hanno genitori, ma non sono neppure orfani, e crescono insieme ai compagni, accuditi da un gruppo di tutori, che si occupano della loro educazione. Fin dalla più tenera età nasce fra i tre bambini una grande amicizia. La loro vita, voluta e programmata da un'autorità superiore nascosta, sarà accompagnata dalla musica dei sentimenti, dall'intimità più calda al distacco più violento. Una delle responsabili del collegio, che i bambini chiamano semplicemente Madame, si comporta in modo strano con i piccoli. Anche gli altri tutori hanno talvolta reazioni eccessive quando i bambini pongono domande apparentemente semplici. Cosa ne sarà di loro in futuro? Che cosa significano le parole donatore e assistente? E perché i loro disegni e le loro poesie, raccolti da Madame in un luogo misterioso, sono così importanti? Non lasciarmi è prima di tutto una grande storia d'amore. È anche un romanzo politico e visionario, dove viene messa in scena un'utopia al rovescio che non vorremmo mai vedere realizzata. È uno di quei libri che agiscono sul lettore come lenti d'ingrandimento: facendogli percepire in modo intenso la fragilità e la finitezza di qualunque vita.

Quel che resta del giorno / Kazuo Ishiguro ; traduzione di Maria Antonietta Saracino
0 0
Libri Moderni

Ishiguro, Kazuo - Ishiguro, Kazuo

Quel che resta del giorno / Kazuo Ishiguro ; traduzione di Maria Antonietta Saracino

Torino : Einaudi, 2007

ET Scrittori ; 180

Abstract: Oxforshire, Inghilterra. Estate 1956. Figlio di maggiordomo, e maggiordomo egli stesso, l'anziano Stevens ha trascorso gran parte della sua vita in una antica dimora inglese di proprietà di Lord Darlington, gentiluomo che egli ha servito con devozione per trent'anni. Con altrettanta fedeltà egli si accinge ora a entrare al servizio del nuovo proprietario di quella dimora, l'americano Mr. Farraday, desideroso di acquisire, assieme ed attraverso la casa, anche quanto di antico, per storie e tradizione, a essa si accompagni. Ed è su invito del nuovo padrone che Stevens intraprende, per la prima volta nella sua vita, un viaggio in automobile nella circostante campagna inglese. Questo viaggio si risolverà in un inquietante viaggio dentro se stessi.