Il 10 febbraio ricorre il Giorno del Ricordo in cui si conserva e si rinnova la memoria delle italiane e degli italiani vittime delle foibe e dell'esodo giuliano-dalmata
Proprio in questo giorno nel 1947 fu siglato il trattato di Pace di Parigi che assegnava l’Istria, il Quarnaro, Zara e parte del territorio del Friuli Venezia Giulia alla Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia.
I territori della frontiera orientale - dove avevano convissuto etnie, culture, lingue e religioni - subirono i travolgimenti prima dell'occupazione nazifascista e dopo della dittatura comunista di Tito, durante la quale trovarono la morte migliaia di italiani nelle foibe carsiche ad opera dei titini.
Grazie alle ricerche storiche, si è finalmente fatta luce su questa tragedia affinché il dolore non sia da ostacolo per il futuro.

Segnaliamo la presenza di un fondo librario donato dal Comitato Lecchese Esuli Giuliano Dalmati posseduto dalla Biblioteca civica di Lecco che va ad aggiungersi al ricco patrimonio librario sul tema presente presso le bibblioteche del territorio, oltre alle risorse che si trovano in MLOL, la biblioteca digitale.  

In ricordo

Fondo Comitato Lecchese Esuli Giuliano-Dalmati - Biblioteca civica di Lecco