Community » Forum » Recensioni

Inside out
0 1

Inside out

Milano : Walt Disney Studios Home Entertainment [distributore], c2015

Abstract: La giovane Riley è costretta a trasferirsi con la famiglia in una nuova città. Deve fare i conti anche con le emozioni che convivono nel centro di controllo della sua mente e guidano la sua quotidianità, e che non sono d’accordo su come affrontare la vita in una nuova città, in una nuova casa e in una nuova scuola. Gioia è il motore del gruppo e mantiene tutti attivi e felici cerca sempre di vedere il lato positivo delle cose. Paura è una sorta d'impiegato perennemente stressato: ha sempre paura di perdere il suo lavoro ma, poiché lui è il suo lavoro, questo non accadrà mai. Rabbia è arrabbiato: sa che i membri del gruppo hanno buone intenzioni e fanno del loro meglio ma, a differenza sua, non sanno come funzionano le cose. Quando è troppo esasperato, la sua testa prende fuoco. Disgusto è molto protettiva nei confronti di Riley ha delle aspettative alte verso il prossimo ed è poco paziente. Tristezza è divertente, anche nel suo essere triste: è intelligente e sempre previdente ma rappresenta una vera e propria sfida per Gioia.

77 Visite, 1 Messaggi
Utente 1411
14 posts

Pete Docter,un nome una garanzia.
Capirci di film,essere esperti nel proprio settore è un'indubbia garanzia di sicura riuscita e Inside Out ne è la prova palese.
Cartone animato per mascherare un FILM vero e proprio, si è appoggiato a psicologi,professori della mente umana per affrontare il tema della Psicologia Cognitiva: le Emozioni umane,in questo film e nel suo cortometraggio accluso nel DVD (bello anche il corto) semplificate a 5 emozioni:
-Gioia
-Tristezza
-Disgusto
-Rabbia
-Paura
Tutto giocato nella mente di una preadolescente di undici anni,Riley Anderson.
Nata e cresciuta nel Minnesota assieme ai suoi genitori e con la sua amica del cuore e d'infanzia Meg,un giorno deve affrontare un importante passo nella sua giovane vita: il trasloco.
I suoi vendono la loro vecchia casa nel Minnesota (una villa) per trasferirsi a San Francisco in un vecchio appartamento un po' malmesso (che lascia intuire i problemi economici e lavorativi dei genitori di Riley,cose che difficilmente una ragazzina di 11 anni potrebbe capire quanto un adulto).
E questo cambia tutto,perché la situazione emotiva di Riley precipita pericolosamente,dapprima con la tristezza e la paura,poi col disgusto e infine con la rabbia,l'emozione più pericolosa di tutte,visto che le farà tentare la fuga da San Francisco per tornare nel Minnesota,come vendetta verso i suoi genitori.
Ogni avvenimento negativo influisce come un terremoto sulle 5 Isole della Personalità di Riley (passioni, famiglia, sport,divertimento,amicizia) col rischio di abbatterle tutte,una per una.
Nella mente di Riley,l'emozione della Gioia deve mettere da parte il suo protagonismo egoista (anche se lo fa perché vuole bene a Riley più di tutti. Gioia è stata la prima Emozione di Riley,quando era nata Riley) e accettare che la Tristezza è un'Emozione utile e necessaria nella vita.
Non va demonizzata né esorcizzata.

  • «
  • 1
  • »

704 Messaggi in 591 Discussioni di 174 utenti

Attualmente online: Ci sono 1 utenti online